home  »  Luoghi  »  Monte Athos

Monte Athos

Il Monte Athos costituisce l’unico esempio di “repubblica monastica”. Ospita 1500 monaci ortodossi suddivisi in 20 monasteri: è riconosciuto come territorio autonomo dalla Costituzione dello stato greco ed è un membro della’Unione Europea. Il suo capoluogo, Kayres, è stato fondato intorno al IX secolo e conserva il rotolo di pergamena dell’anno 971 che ratifica l’indipendenza perpetua del Monte Athos. L’unico modo per raggiungere l’Athos è con i traghetti che lo collegano giornalmente alla città greca di Uranopoli. L’accesso è tuttavia propibito alle donne in maniera rigorosa, per rispettare la scelta di castità dei monaci. Solo durante la Seconda Guerra Mondiale questo divieto è stato infranto, per permettere il passaggio ai partigiani greci, tra cui diverse donne. Gli uomini possono essere invece ospitati, con uno speciale permesso di soggiorno, il “Dhiamonitirion”, che viene dato giornalmente a soli 10 visitatori da tutto il mondo, che vengono poi ospitati dalle foresterie dei diversi monasteri. L’Athos custodisce molti tesori: antichi manoscritti, icone, affreschi e dipinti bizantini. Esiste anche un monaco canonizzato, Silvano del Monte Athos.